Illuminismo: nuove teorie politiche

rousseau

L’Illuminismo si diffuse in tutta Europa e la Francia ne fu il centro propulsore ma la società e la cultura inglesi ebbero un ruolo fondamentale nelle sue origini. In Inghilterra era radicata la filosofia dell’empirismo di Bacone, di Locke e di Newton, secondo cui l’esperienza è alla base della conoscenza scientifica, mentre sul piano politico si erano affermati i principi del contrattualismo, secondo cui Stato e società nascono da un accordo (contratto) tra individui liberi, e del giusnaturalismo, secondo cui il diritto naturale precede la nascita dello Stato, le cui leggi sono legittime solo se fondate su di esso.

L’illuminismo sviluppò teorie già emerse nel corso del Seicento: giusnaturalismocontrattualismo e liberalismo.

Il GIUSNATURALISMO è la teoria per cui esistono dei diritti che sono propri della natura umana, come la vita, la libertà, l’uguaglianza, la proprietà, la resistenza all’oppressione e la ricerca della felicità. Tali diritti naturali devono porsi alla base di qualsiasi legge, che non può in nessun modo violarli ma deve, al contrario, salvaguardarli.

Il CONTRATTUALISMO è una concezione per cui lo Stato non è un patrimonio personale del Sovrano ma nasce da un contratto tra il sovrano e il popolo in cui è il popolo a delegare il potere: il vero sovrano, dunque, è il popolo.

Denis Diderot nell’Encyclopedie scrive:

Il governo, benché ereditario e posto nelle mani di uno solo, non è un bene particolare ma un bene pubblico, che, per conseguenza non può essere mai sottratto al popolo, al quale soltanto appartiene in piena proprietà […] Non è lo Stato che appartiene al principe, ma il principe che appartiene allo Stato.

Il LIBERALISMO è la concezione secondo cui lo Stato esiste allo scopo di salvaguardare la libertà dell’uomo da tutte le forme di potere oppressivo e tirannico e per garantire ai cittadini l’esercizio dei propri diritti.

La Dichiarazione di Indipendenza americana (4 luglio 1776) accoglierà queste idee che, per la prima volta, trovano con la Rivoluzione americana una concreta applicazione politica.

Print Friendly, PDF & Email