Crea sito
I moti liberali

I moti liberali

Storiaestorie

di Giorgio Baruzzi

I moti liberali

 

Restaurazione parziale.

Con la restaurazione delle monarchie, la nobiltà e il clero tornarono a occupare le antiche posizioni di privilegio ai vertici dello Stato. Furono ripristinati antichi privilegi e furono abolite la libertà di pensiero, di religione, di spostamento da un paese all’altro, di scelta di un lavoro o di una professione. I giornali furono sottoposti a una rigida censura. Le forze di polizia furono notevolmente potenziate. Tuttavia, i cambiamenti avvenuti in campo sociale, economico e culturale in epoca napoleonica resero impossibile una piena restaurazione dell’Antico Regime. La Restaurazione non cancellò completamente l’opera di rinnovamento civile e amministrativo favorita dal dominio francese, ciononostante la borghesia chiedeva una maggiore partecipazione al potere e l’eliminazione degli ostacoli che impedivano o rallentavano il progresso economico.

I moti carbonari del 1820-21.

Il ritorno dei sovrani conservatori o reazionari, che non teneva conto delle aspirazioni degli abitanti, alimentò presto il nazionalismo e il liberalismo. Un ruolo di primo piano ebbe l’azione della carboneria e di altre società segrete, unite in una rete di collegamenti internazionali che contribuirono alla diffusione delle idee liberali e allo scoppio delle prime rivolte contro i governi della Restaurazione. 

Nel 1820-21 moti scoppiati in Spagna riuscirono a imporre una costituzione liberale, ma furono presto repressi dall’intervento francese. Per impulso dei moti spagnoli, nel 1820-21 si ebbero moti anche nel regno delle Due Sicilie e in Piemonte. I sovrani furono indotti a concedere costituzioni, ma la reazione prese infine il sopravvento. 

Il fallimento dei moti favorì la politica dell’ala più intransigente della Restaurazione: 

  • nel Lombardo-Veneto furono condannati Silvio Pellico e Federico Confalonieri; in Piemonte si ebbero processi e condanne a morte; a Napoli furono impiccati gli ufficiali Michele Morelli e Giuseppe Silvati. 

Nel 1825 fallì anche la rivolta dei decabristi in Russia. Solo la lotta per l’indipendenza della Grecia dall’impero ottomano, iniziata nel 1821 e divenuta un simbolo di libertà, ebbe successo grazie anche all’intervento militare di Inghilterra, Francia e Russia: l’indipendenza fu ottenuta nel 1829.

I moti in Europa nel 1830.

Nel 1830-31 vi fu una seconda ondata rivoluzionaria in alcuni paesi europei, scatenata dalla rivoluzione del luglio 1830 in Francia, dove dopo circa un decennio di governo reazionario il re Carlo X fu deposto da un’insurrezione popolare e sostituito dal liberale Luigi Filippo d’Orléans, sostenuto dall’alta borghesia degli affari e della finanza. 

Sulla scia degli eventi francesi, in agosto scoppiò l’insurrezione del Belgio, che riuscì a ottenere l’indipendenza dall’Olanda e divenne una monarchia costituzionale. Nel novembre 1830 iniziò anche la rivolta della Polonia, sostenuta dalla borghesia e dai militari nazionalisti, per l’indipendenza dalla Russia, che fallì anche per il mancato sostegno della Francia. 

I moti in Italia.

La fiducia nell’appoggio francese incoraggiò anche la cospirazione in Emilia-Romagna (ducati di Parma e Modena e stato pontificio), che fu però facilmente repressa dall’Austria e che si concluse con l’impiccagione di Ciro Menotti (febbraio-marzo 1831). Il fallimento dei moti mise in luce la debolezza dell’azione rivoluzionaria delle società segrete. 

Index Storiaestorie

Index Cinema e storia

Index Tematiche

Link utili

Il colonnello Chabert

Il colonnello Chabert

Storiaestorie

di Giorgio Baruzzi

Il colonnello Chabert

Youtube: Il Colonnello Chabert

Anno: 1993; Durata: 110
Regista: Yves Angelo
Cast: Gérard Depardieu come Colonnello Chabert; Fanny Ardant come Contessa Ferraud

Balzac, Il colonnello Chabert

Il colonnello Chabert viene gravemente ferito nella sanguinosa battaglia di Eilau, condotta da Napoleone in Prussia. Egli riesce a sopravvivere e ad uscire a fatica dalla fossa comune. Alcuni contadini del posto lo soccorrono e in seguito viene ricoverato in un ospedale a Eilsberg.

Dopo dieci anni torna in Francia e si rivolge all’avvocato Derville per rivendicare il riconoscimento da parte della moglie e per recuperare i propri beni. La donna ha però sposato in seconde nozze il conte Ferraud e non intende accogliere le sue richieste, negando di riconoscerlo.

*

Tuttavia, a un certo punto la contessa si vede costretta ad incontrare Chabert e lo ospita nella sua residenza di campagna, dove tenta di lesinare sulla restituzione dei beni che l’uomo pretende. La donna, un’ex prostituta salita in auge durante l’impero, è soprattutto interessata all’avvenire dei figli e alla sua futura tranquillità.

Così, dopo aver patteggiato la somma di denaro da restituire a Chabert e trovatolo conciliante, convoca un notaio che assegna la pensione annua pattuita all’ex ufficiale, a condizione che questi rinunci alla sua identità e sparisca per sempre.

*

Profondamente ferito e offeso, Chabert rinuncia a qualsiasi rivalsa economica e con parole di disprezzo si congeda dalla donna che evidentemente ancora ama.

Più tardi l’avvocato Derville svela al conte Ferraud la ricomparsa di Chabert, e l’uomo, infuriato, decide di allontanare la moglie per sposare la figlia di un’influente personalità. La contessa si ritira in campagna, mentre Derville va a trovare Chabert, ospite di un convento di suore, dove trascorre gli ultimi anni di vita.

http://youtu.be/O8kU6FhOBBY

Index Storiaestorie

Index Cinema e storia

Index Tematiche

Link utili